Cuoca Per Diletto 20 min. 30 o più a seconda delle dimensioni del dolce min.

Pan del Duca, Pampapato o Panpepato di Ferrara? Per un ferrarese doc il nome esatto di questo squisito dolce è Panpapato o Pan del Duca . La leggenda vuole che il dolce tradizionale di Ferrara, il Pampapato sia stato inventato nel ‘500 dalle suore dello stupendo monastero di Sant’Antonio in Polesine, altri affermano invece che la ricetta originale del pampapato sia attribuibile a messer Cristoforo da Messisburgo, gastronomo della corte estense oltre che autore del Gran libro della cucina ferrarese, dedicato al cardinale Ippolito d’Este. Finita Ferrara sotto lo Stato Pontificio , da Pan del Duca, suo nome iniziale, il dolce si trasformò in Pan del Papa ( da cui l’appellattivo Pampapato di Ferrara) mentre la sua forma divenne simile a quella dello zucchetto ecclesiastico.

La ricetta di una volta prevedeva per l’impasto l’impiego di farina, acqua, miele (poi sostituito dallo zucchero), cacao, zenzero e cannella ( oggi non più usati), pezzetti di frutta candita (ora scorza d’arancia e cedro), mandorle tostate e poco sale. Raffreddamento su un piano di marmo, ” stagionatura” alla nebbia ed infine copertura di cioccolato del dolce.

C’è tuttavia chi si ostina ancora oggi a chiamarlo “Panpepato” come quello di Siena, con il quale non ha però nulla a che vedere. E c’è persino chi si arrabbia se esso viene considerato un “prodotto tipicamente natalizio” essendo ormai diventato uno dei simboli della città.

Le informazioni di cui sopra sono state tratte dal giornale “Verde” anno 2000. In quell’anno Vi dedicò un bellissimo articolo al Pampapato di Ferrara  che conservo e rileggo sempre con molto piacere, in quanto non è un dolce molto conosciuto fuori Ferrara. La ricetta che segue del Panpepato  invece è una ricetta di famiglia, essendo mia mamma ferrarese doc .

La ricetta è stata collaudata, risulta essere estremamente valida e molto similare all’originale, pertanto vieto che tale ricetta sia stravolta nelle quantità o negli ingredienti e pubblicata altrove senza citare il presente blog.

 

Ingredienti :

  • Farina OO  kg. 1
  • Zucchero    kg. 1
  • Mandorle dolci sgusciate g. 700
  • Cacao olandese g. 350
  • Scorza d’arancio e cedro candito g. 500
  • Lievito per dolci g. 16
  • Spezie : cannella, coriandolo, chiodi di garofano
  • Cioccolato fondente per la copertura

 

Far tostare le mandorle in forno,  nel mentre tagliare la frutta candita a pezzettoni.

Impastare tutti gli ingredienti con acqua bollente quel tanto che basta per ottenere un impasto abbastanza duro. Cuocere in forno a calore moderato, il tempo di cottura varierà a seconda della grandezza dei Vostri panpapati . ( Nella foto panpapato diam. 17 , tempo cottura 40 minuti a 170° C ). Una volta sfornato spruzzare il dolce con liquore all’arancia, lasciar raffreddare ed infine coprire il dolce con cioccolato fondente di copertura, da stendere a mano.

Il dolce cotto messo a raffreddare… (la foto non e’ bellissima, ma l’ho voluta lasciare lo stesso).

Per altri dolci di Natale, guarda qui!