Cuoca Per Diletto 30 minuti più la lievitazione min. 5-6 min.

Eh sì per questa bella festa di Carnevale non mi sono fatta mancare proprio niente! Per me friggere non è un problema, anzi… e credo che tutti i dolci fritti che ho pubblicato in queste ultime settimane possano parlare da soli! Guardate pure qui, qui , qui e qui… Insomma non potevano mancare i krapfen, ma quanto sono golosi? Beh i krapfen sono buoni tutto l’anno, che fortuna, non avrò sensi di colpa ogni volta che deciderò di rifarli. Lo so qualcuno mi dice che sono «pazza» quando sente che li preparo in piena estate…ma non so resistere, dopo un po’ che non friggo più mi riprende il desiderio di ricominciare e poi d’estate volete mettere quanto lievitano di più e meglio? Lo so riesco a trovare le giustificazioni e le motivazioni da sola, così non vale direte Voi, ma se li provate sono sicura che qualche altra lettrice o lettore mi seguirà…e ora godetevi questa favola!

 

Ingredienti:

Ricetta di Paoletta Sersante qui in dettaglio.

 

  • Farina g.400 (metà manitoba e metà 00)
  • Burro g.50
  • Zucchero g.70
  • Acqua g.100
  • Latte g.130
  • Lievito di birra fresco g.10
  • La buccia di un’arancia o un limone
  • 1 cucchiaino di vaniglia
  • 5 gr di sale
  • 1 tuorlo
  • Olio di semi di arachide per friggere

 

Setacciate bene le due farine. In una ciotola ponete l’acqua e il lievito, per sciogliere quest’ultimo. Versate poi g.100 di farina, presa dal totale, sull’acqua e lievito e mescolate giusto il tempo per amalgamare il tutto.

Coprite con pellicola e attendete un’ora, nel frattempo potrete preparare gli altri ingredienti.

Quando il pre-impasto è pronto, versatelo nella planetaria o, se impastate a mano, in una larga ciotola.

Aggiungete una o due cucchiaiate di farina ed iniziate a mescolare bene, poi aggiungete il tuorlo, e, quando questo è ben assorbito, metà dello zucchero. Impastate aggiungendo ancora un po’ di farina, poi inserire l’altra metà dello zucchero.

A questo punto alternare latte e farina (meno una cucchiaiata) fino ed esaurimento, infine il sale.

Impastate bene sia a mano (almeno 25′) sia nella planetaria, fino a che l’impasto sarà elastico e incordato. Aggiungere la vaniglia, la scorza di arancia grattata e alla fine il burro, poco alla volta, sempre impastando con energia, fino a che l’impasto sarà  ben incordato. Se lo prendete in mano, dovrà tendersi come una corda ma non spezzarsi, e se impastate sulla spianatoia, non dovrà appiccicarsi.

Solo a questo punto potrete metterlo ben coperto in una ciotola a lievitare, ci vorrà circa un’ ora e 45′.

Quindi avrete il tempo di preparare la crema pasticcera. Adesso infarinate leggermente la spianatoia, e rovesciate l’impasto lievitato, sgonfiatelo e fate le pieghe del tipo 2. Fatelo riposare 40′ coperto da pellicola con la chiusura sotto.

A questo punto spianate la palla col mattarello all’altezza di 1 cm. e 1/2 e tagliate i krapfen con un coppa pasta.

Copriteli con pellicola e fate lievitare ancora un’ora. Friggeteli, meglio se uno o due alla volta, immergendoli dalla parte che stava a contatto della pellicola, in olio profondo poi scolate bene su carta assorbente, ma se tutto è andato bene, non assorbiranno quasi niente di olio.