Cuoca Per Diletto 30 + riposo min. 30-35 min.

Il Kougelhopf è una specialità alsaziana , un dolce lievitato il cui aspetto caratteristico è proprio la sua forma, vagamente somigliante ad un turbante da cui appunto deriva il nome in alsaziano !

Il Kougelhopf può essere dolce con mandorle ed  uvetta imbevuta di rum o kirsch o salato con pancetta e noci, la versione dolce viene gustata a colazione mentre la versione salata è ottima per accompagnare l’aperitivo.

Questa specialità è stata per molto tempo una torta di celebrazione, preparata per occasioni e feste importanti come il S.Natale, matrimoni, compleanni, nascite ma le origini del Kougelhopf non sono certe in quanto pochi scritti lo menzionano, con certezza si sa solo che il Kougelhopf esisteva già nel XVIII secolo, data degli stampi più antichi ritrovati, ma se la storia non ci viene in aiuto ….ci sono  molte affascinanti  leggende sulle origini di questo dolce. Una di queste proviene da Ribeauvillè e afferma che in una pasticceria di questa ridente cittadina si fermarono per la prima volta i Re Magi e per ringraziare il pasticcere locale di nome Kugel per la sua ospitalità, prepararono questo dolce la cui forma ricordava quella dei loro turbanti.

Si narra inoltre che il Kougelhopf sia il padre del babà al rum. Stanislas Leczynski re di Polonia e suocero di Luigi XV, aveva aperto la sua corte a Luneville, in Lorena ed aveva trovato il Kougelhopf locale un po’ troppo secco. Il suo pasticcere personale, per soddisfare il re, immerse il Kougelhopf in uno sciroppo di zucchero aggiunto al rum. Un secolo dopo, il pasticcere George importò il Kougelhopf da Strasburgo, mentre il suo collega Stoher fece del Babà la specialità del suo negozio al Palais-Royal.

Se in occasioni delle  feste natalizie avete voglia di sperimentare un  lievitato importante e d’effetto  senza necessariamente pensare alla tradizione italiana che prevede il classico pandoro o panettone  , Vi consiglio  di realizzare il Kugelhopf  di P.Giorilli , si realizza in breve tempo e non  ha nulla da invidiare ai nostri dolci tipici natalizi.

 Ingredienti:

Ricetta di P.Giorilli

  • Farina W300          g 1.000
  • Latte                      g 300
  • Lievito compresso   g 40
  • Uova                      g 350
  • Sale                       g 20
  • Zucchero                g 200
  • Burro morbido        g 350
  • Uvetta sultanina      g 300
  • Rum                      g 50
  • Mandorle pelate
  • Zucchero a velo

 

Iniziate l’impasto miscelando la farina con il latte, il lievito e metà delle uova. A metà della lavorazione aggiungete le rimanenti uova, il sale e, lentamente , lo zucchero. Quando avrete ottenuto una pasta liscia e omogenea, incorporate il burro. Terminato l’impasto aggiungete l’uvetta, fatta macerare nel rum, impastando per qualche minuto fino a quando non sarà uniformemente distribuita.

Ponete l’impasto a lievitare per circa 60 minuti a 26-27°C.  Trascorso questo tempo, tagliate dei pezzi d’impasto a seconda delle dimensioni degli stampi, arrotondate e dopo 10-15 minuti fate un incavo al centro e ponete nelle apposite forme, precedentemente imburrate e con alcune mandorle pelate posate sul fondo.

Lasciate lievitare fino a raggiungere il bordo, poi infornate a 180-200°C . sfornate, fate raffreddare, bagnate con rum e spolverizzate con zucchero a velo.

 

 

Volete preparare il classico panettone? Guardate qui

Qui il sito del Maestro