Cuoca Per Diletto 10 e riposo min. 30 min.

Il contest: «In cucina con i Santi…Patroni» mi è piaciuto fin da subito perché dalla tradizione, dal culto popolare e dalle festività religiose nascono piatti eccezionali, a volte li dimentichiamo, ma un contest era ciò che ci voleva per ricordare queste belle preparazioni. Ho deciso di partecipare con il dolce di S.Martino preparato in occasione della festa del Santo l’undici Novembre. La ricorrenza di S.Martino è festeggiata in modo particolare a Venezia, ma anche nella vicina città di Padova e zone limitrofe. Per questa occasione tutte le pasticcerie e in ogni casa si prepara questo dolce bellissimo e colorato che piace tanto ai bambini. Riporto di seguito la storia di questo Santo, così come l’ho letta in un libro per bambini:« C’era una volta, tanto tempo fa, un soldato forte e coraggioso. Il suo nome era Martino. Un giorno Martino era a cavallo e si ritrovò per le strade di un paesino francese. Era autunno, e il vento faceva volare qua e là le foglie secche degli alberi. Che freddo faceva! Martino aveva le mani intirizzite e cercava di coprirsi il viso con il suo mantello rosso porpora. Ad un certo punto il giovane soldato vide un uomo in un angolino della strada. Era vecchio e i suoi vestiti erano rotti e miseri. Stava tutto rannicchiato per cercare di ripararsi dal vento gelido. Martino fece fermare il cavallo e, guardando il vecchio infreddolito, sentì il cuore battere più forte. Senza nemmeno pensarci, scese da cavallo, si tolse il mantello e lo divise con la sua spada in due parti: ne diede una al povero vecchietto e l’altra metà la tenne per sé. Il vecchio non credeva ai suoi occhi, era davvero raro che un giovane soldato fosse così generoso: “Grazie che Dio ti benedica!” disse. Martino abbracciò il poverello e se ne andò in sella al suo cavallo. Quella notte Martino fece un bellissimo sogno. Sognò che Gesù, insieme ad un gruppo di angeli, andava a trovarlo. Gesù aveva in mano un pezzo di stoffa rossa. Quando, al mattino, Martino si svegliò fece una scoperta straordinaria! Il suo mantello era di nuovo tutto intero: Gesù nel suo sogno aveva fatto il miracolo! Da quel giorno Martino non volle essere più un soldato, ma diventò un prete buono amico dei poveri, e si ricordò per sempre di quel povero signore infreddolito, perché gli aveva dato la possibilità di conoscere Gesù».

 

Dolce di S.Martino

Ingredienti per la frolla:

  • Farina 00 gr. 600
  • Zucchero a velo gr.160
  • Uova n.2
  • Tuorli n.2
  • Burro freddo gr.260
  • Un pizzico di vaniglia
  • Un pizzico di sale

Per Decorare:

  • Confettini colorati oro e argento e colori vari, zucchero in granella, ghiaccia reale, pasta di zucchero in vari colori (per il prato e i fiori), confettini in cioccolato bianco e nero, zucchero rosso, granella di pistacchio, codette di cioccolato, cuoricini di zucchero rosso, gocce di cioccolato bianco ecc…
  • Un vassoio e un drappo nero se volete far risaltare il vostro dolce come in foto.

Preparazione: In un’ impastatrice o a mano mescolare e quindi impastare tutti gli ingredienti. Rifinire il composto sul tavolo da lavoro, creare una  palla, avvolgere nella pellicola e lasciar riposare in frigo per circa mezz’ora. Riprendere la pasta e stenderla su di un foglio di carta da forno.  Ritagliare la sagoma di S. Martino a cavallo, appoggiarla sulla pasta frolla stesa e ritagliarla. Accendere il forno, nel frattempo mettere la frolla da cuocere in freezer per circa quindici minuti. Cuocere il biscotto in forno caldo a 160° statico per 30 minuti circa. Infine decorare a piacere usando la ghiaccia, i confetti, gli zuccherini e tutto ciò che la vostra creatività vi suggerisce!

Note: Il dolce realizzato misura 30×30 cm circa, ho avanzato un po’ di frolla che ho poi utilizzato per una crostata.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Una foto dell’impasto della frolla

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

I disegni che mi hanno aiutato a dar forma a S.Martino a cavallo.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La frolla cotta…primi decori

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il dolce finito

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Con questa ricetta partecipo al contest “in cucina con i Santi Patroni” indetto dal blog Pasticci & Pasticcini di Mimma

 

 santi